Le nostre farmacie comunali rappresentano un patrimonio di grande rilievo all’interno della vita cittadina, in grado di garantireun servizio efficiente per gli abitanti e, al contempo, grazie alle economie di scala, ottimi margini operativi.

La società SFERA SRL gestisce attualmente 17 farmacie a: Imola, Faenza,Medicina, Castel San Pietro Terme, Lugo e Budrio. Il CON.AMI (proprietario di cinque farmacie comunali di Imola) incassa, attraverso un contrattod’affitto di ramo d’azienda, circa 450.000 euro l’anno.

L’unione di queste farmacie ci ha consentito di raggiungere importanti risultati nonché notevoli vantaggi. Infatti, tutti coloro che lavorano all’internodelle farmacie hanno collaborato al fine di ottenere uno stemperamento deicosti, una massa critica tale da reggere meglio la competizione, l’attivazionedi specifici corsi formativi che consentono di migliorare la professionalitàdei lavoratori e di acquisire maggiore forza contrattuale con i fornitori. Tutte le migliorie attuate e gli ottimi risultati di gestione hanno permesso di investire sull’innovazione tecnologica, cosa che ci ha dato modo diperfezionare ulteriormente i nostri servizi e di qualificare il rapporto trail personale della farmacia e la clientela. La prima a sperimentare questo innovativo sistema tecnologico è stata la Farmacia dell’Ospedale di Imola, istituita nel 1794, e che quindi ora, oltre a essere la più antica in attività, è anche una delle più all’avanguardia. La Farmacia della Stazione aperta il 31 agosto 2017, con orario continuato dalle 7,00 alle 22,00, quinta farmacia comunale di Imola, rappresenta il modello di farmacia che vuole sviluppareSFERA nei prossimi anni: tecnologia e servizi avanzati per rispondere alleesigenze del cliente a 360 gradi.

L’implementazione di magazzini automatizzati, che permettono l’ottimizzazione delle scorte, una migliore organizzazione e una maggiore capacità di fornitura, e delle vetrine virtuali per l’esposizione dei prodotti in libera vendita su monitor touch-screen che consentono di azzerare i costi della logistica connessi alla manutenzione dell’esposizione tradizionale, aumentando significativamente l’esposizione dei prodotti e amplificandone la visibilità, oltre la possibilità di rivoluzionare via internet il proprio layout espositivo in base alla stagionalità, semplicemente selezionando i prodotti OTC che si intende esporre, sono importanti innovazioni tecnologiche in grado di migliorare il servizio in farmacia. Infatti il magazzino automatizzato permette ai farmacisti di non doversi più allontanare dal banco per ritirare il prodotto richiesto, garantendo così al cliente una continuità di servizio e una minore dispersione di tempo, il tutto quindi a vantaggio del rapporto con l’utente, mentre le vetrine virtuali con la funzione “cross-selling” rendono notevolmente più facile per il personale consigliare prodotti e aumenta anche la probabilità di ulteriori vendite.

Il mercato già fortemente competitivo lo diventerà sempre di più in seguito alla possibilità di società di capitali di acquisire un numero virtualmente illimitato di farmacie. Pertanto è necessario attuare una serie di azioni e diazioni tese a fidelizzare i nostri clienti e a “catturarne” dei nuovi, puntando, per differenziarci dalle prossime “catene” di farmacie, sulla professionalitàdei “nostri farmacisti”, sui prodotti e sui servizi innovativi o comunque nuovi per la farmacia, come la cabina estetica.

Prevediamo quindi di:

▶ sviluppare ulteriormente iniziative già collaudate e molto gradite qualicalendario e campagne promozionali (offerte natalizie, offerte estate, ecc.),campagne vetrine, iniziative di co-marketing con i fornitori, applicazione del Category Management per bisogno e non per prodotto;

▶ potenziare la Carta fedeltà per fidelizzare i clienti, accentuando il focusverso il consumatore migliorandone la concentrazione degli acquisti di servizi e prodotti nel canale farmacia;

▶ continuare nell’implementazione, ove necessario, dell’automazione di magazzini delle farmacie per migliorare i processi di lavoro della farmacia, recuperare spazio, liberare tempo del personale di farmacia da dedicare di più al consiglio e alle vendite abbinate, tenere sotto controllo l’inventario della farmacia e di conseguenza ridurre sensibilmente i costi. All’automazione della Farmacia dell’Ospedale di Imola di ottobre 2014, sisono infatti aggiunte quelle della Farmacia Via Marconi, a Faenza (2015),della Farmacia dell’Ospedale di Castel San Pietro Terme (2016), Farmacia della Stazione di Imola (2017);

▶ proseguire nell’inserimento delle vetrine virtuali, per la migliore gestione dell’esposizione e la comunicazione;

▶ massimizzare i margini seguendo la politica commerciale di gruppo;

▶ sviluppare la farmacia come polo di erogazione di servizi socio-sanitari: oltre ai servizi ormai offerti da tutte le farmacie del gruppo, quali autoanalisi,la Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC), la valutazione della stasi venosa e l’analisi della pelle, quest’anno sono stati introdotti in tutte le farmacie del gruppo nuovi servizi in telemedicina, quali ECG, Holter Pressorio,Holter ECG (attualmente offerti dalla farmacia centrale di Medicina, dallaFarmacia comunale di Budrio e dalla farmacia della Stazione di Imola);

▶ prevedere l’inserimento, dove gli spazi lo consentono, di cabine estetiche, attualmente presenti nella farmacia dell’Ospedale di Castel san Pietro Terme e nella farmacia della Stazione a Imola.

▶ sviluppare l’educazione sanitaria delle farmacie comunali, con organizzazione di incontri con la clientela (una media di 4 incontri al mese presso le varie farmacie) e nelle scuole.

▶ Sviluppare l’educazione sanitaria delle farmacie comunali, con organizzazione di incontri con la clientela (una media di 4 incontri al mese presso le varie farmacie).

Piano Triennale