Le scelte fondamentali di CON.AMI per il triennio

Nel triennio 2018-2020 il CON.AMI orienterà la propria attività con una particolare attenzione al settore storico per eccellenza: l’acqua.

Gestire al meglio la risorsa acqua

Il ciclo idrico è un sistema sul quale il Consorzio ha sempre investito risorse consistenti, con speciale riguardo al tema della prevenzione della dispersione e dell’approvvigionamento, che hanno evitato situazioni di emergenza per le famiglie e le imprese del territorio servito. La lungimiranza delle scelte compiute negli anni passati ha infatti consentito di evitare razionamenti anche in presenza di una situazione di particolare siccità, come quella chesi è verificata nel corso del 2017.

Un passaggio importante per quanto riguarda l’acqua, anche dal punto di vista culturale, è inoltre il percorso verso la sottoscrizione del Contratto diFiume. L’obiettivo è quello di ricercare una nuova governance del fiumeSanterno, con la partecipazione dei Comuni interessati, della RegioneEmilia Romagna, dell’Ente di Gestione del Parco della Vena del Gesso, diCON.AMI, delle associazioni e delle società di settore. Quattro le tematicheapprofondite in questo percorso: sicurezza idraulica, qualità dell’acqua ehabitat, gestione e uso delle risorse, fruibilità turistica.

La migliore gestione della risorsa acqua, inoltre, aprirà al dialogo con gliagricoltori e le loro associazioni, al fine di rispondere meglio ai loro bisogni,mediante il coinvolgimento di Atersir e delle Autorità di Bacino.

Lo sviluppo delle farmacie comunali

Oltre al tema acqua, un altro settore strategico fondamentale nei programmi di CON.AMI per il triennio sarà quello delle farmacie.
Sfera ha inaugurato nel 2017 la sua nuova sede a Imola e continuerà nel piano di sviluppo che le ha permesso di crescere in questi anni attraverso l’innovazione, l’introduzione della robotica nella gestione dei magazzini, l’equilibrio fra rete e autonomia delle diverse strutture. Un esempio di agilità applicata a un sistema complesso che ha dimostrato nei fatti di funzionare, migliorando la qualità della relazione con il cittadino.

L’importanza della tecnologia: Progetto Data

CON.AMI continuerà inoltre, in tema di strategie di sviluppo, a investire sul Progetto DATA, la piattaforma messa a punto dalla società Sis.Ter che ha prodotto applicazioni già in uso ad esempio per il Contratto di Fiume, per IF Imola Faenza Tourism Company e per Area Blu.

Questa infrastruttura digitale di contenuti e servizi costituisce già unpotente strumento per innovare il territorio rendendolo più efficiente, piùsolidale e più competitivo. L’infrastruttura informativa e i servizi correlatihanno inoltre il pregio di rafforzare la cooperazione tra i diversi soggetti,creando sinergie tra pubblico e privato e favorendo una governance più smart, con ricadute positive per tutti gli operatori.

Lo stretto rapporto con HERA, di cui CON.AMI è secondo azionista

Secondo azionista di HERA, CON.AMI continuerà ad avere con essa unarelazione molto stretta, adoperandosi per mantenere e rafforzare il rapportotra la multiutility e il territorio dei 23 Comuni del Consorzio.
La collaborazione in questi anni ha portato vantaggi al territorio, come nelcampo della raccolta differenziata, ormai diffusa capillarmente nel territorioconsortile e che, dalla sua introduzione, ha migliorato costantemente le performance, in particolare grazie alla sperimentazione su Imola.

Nei riguardi degli amministratori dei Comuni intendiamo aumentare il livello di trasparenza e compartecipazione alle scelte della multiutility, per aiutarli a condividerle e farle proprie anche di fronte ai cittadini. A questofine il CON.AMI continuerà a farsi promotore di momenti di confronto, concompetenza e disponibilità, puntando sui canali di ascolto permanenti già attivati nel nostro territorio, attraverso figure dedicate e presenti, incaricatedi recepire allarmi, indicazioni e suggerimenti. Anche da questi rapporti con le istituzioni, ne siamo convinti, si determinano le nuove strategie d’intervento per dare le risposte più puntuali ai bisogni dei cittadini.Infine, il CON.AMI ha proseguito nell’opera di acquisizione di ulterioricompetenze tecniche atte a sostenere i Comuni nella comprensione delle tematiche e per contribuire così alla fattiva consapevolezza delle decisioni che rimangono e devono rimanere in capo alle Amministrazioni.

Scopri il piano triennale